Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Analisi e mappatura delle Buone pratiche di economia circolare per settore e analisi del ciclo di vita dei prodotti

TitoloAnalisi e mappatura delle Buone pratiche di economia circolare per settore e analisi del ciclo di vita dei prodotti
Tipo di pubblicazioneReport
Anno di Pubblicazione2020
AutoriBeltrani, Tiziana, Creo C., Cutaia Laura, La Monica Marco, Nobili P., Sbaffoni Silvia, and Sposato P.
Series TitleICESP - Italian Circular Economy Stakeholder Platform
InstitutionICESP - Italian Circular Economy Stakeholder Platform
Parole chiaveBuone pratiche, Economia circolare
Abstract

Favorire lo sviluppo e la diffusione delle buone pratiche a livello nazionale ed internazionale è diventato una politica necessaria nel processo di transizione verso modelli circolari. ICESP, attraverso le attività coordinate dal GdL6 “Buone pratiche e approcci integrati”, contribuisce attivamente al processo di raccolta, mappatura, analisi e condivisione delle buone pratiche italiane di economia circolare, alimentando lo scambio di informazioni attraverso il database europeo delle Buone Pratiche ECESP.
I risultati delle analisi qualitative sulle buone pratiche collezionate nell’ultimo biennio sono presentati nel report 2020 che, oltre a identificare i casi virtuosi di applicazione reale della circolarità, fornisce una panoramica sullo stato dell’arte e sul livello di maturità dei modelli utilizzati, evidenziando limiti e barriere su cui concentrare le attività future.
La metodologia adottata nella rassegna 2020 vede un approccio integrato tra analisi per settore e fase del ciclo di vita dei prodotti e valutazione rispetto ai criteri di rilevanza, concretezza, contributo educativo e condizioni di trasferibilità, livello di innovazione e benefici attesi. Quello che ne emerge è uno scenario complesso ed eterogeneo, che vede una maggiore numerosità di BP sul tema della gestione degli
scarti (42% del totale), con i temi innovazione e produzione che insieme valgono il 54% del campione, e infine le BP in ambito consumo che esprimono solo il 4% del totale delle BP analizzate. Anche per quanto riguarda i settori impattati e la distribuzione geografica si registra una forte disomogeneità, in parte dovuta ad un diverso grado di maturità dei mercati analizzati, in parte ai limiti del campione di buone pratiche
sino ad oggi rilevato.
Attraverso le lezioni apprese dalle attività del GdL 6, ICESP è già al lavoro per affinare il processo di mappatura e analisi delle BP, attraverso il coinvolgimento di tutti i gruppi di lavoro ed una più efficace articolazione delle linee guida ECESP nel contesto nazionale.

URLhttps://www.icesp.it/sites/default/files/DocsGdL/Report_GdL6_.pdf
DOI10.12910/DOC2020-002
Citation Keyt2020analisi